La teoria delle intelligenze multiple

La teoria delle intelligenze multiple è un modello di concezione della mente che è stato creato dallo psicologo americano Howard Gardner negli anni ottanta. Questa

I segreti del Personal Shopper: chi e cosa fa

Ultimamente, con molta frequenza, ci capita di imbatterci nel termine inglese di personal shopper in riferimento a una delle professioni più in voga al momento

I migliori giochi educativi montessoriani

Il metodo Montessori è un modello educativo caratterizzato da un ambiente preparato, ordinato, estetico, semplice e reale dove ogni elemento ha uno scopo ben preciso

Gamification: imparare giocando

Negli ultimi anni, l’utilizzo della cosiddetta gamification in classe, da parte del corpo docente, ha dato il via a una nuova metodologia didattica al fine

Il ritardo del linguaggio nei bambini

Sapevi che, negli essere umani, esiste una predisposizione genetica per lo sviluppo del linguaggio che permette ai bambini di parlare spontaneamente? Nonostante questa predisposizione, l’esperienza

Le influenze psicologiche del Coaching

Sebbene sia comune credere che il Coaching provenga da esperienze pratiche nel campo dello sport o del management, questa metodologia affonda le proprie radici nella

Influenze filosofiche del Coaching

Nonostante si tenda a credere che il Coaching provenga da esperienze pratiche in ambito sportivo o manageriale, questa metodologia ha diversi antecedenti e si basa

Cos’è l’ipnosi?

Normalmente, la gente pensa che la persona in stato di ipnosi stia dormendo, o stia subendo l’influenza assoluta di un ipnotizzatore che può imporre la

Come imparano gli adulti?

Quando parliamo di apprendimento con una persona adulta si utilizza la parola andragogia, definita come la conoscenza tecnica di apprendimento e insegnamento in cui i

Concetto di svago e tempo libero

Normalmente, quando si parla di svago e tempo libero, i due concetti vengono trattati come se fossero due sinonimi. Tuttavia, anche se esiste tra questi

Pigrizia sociale o effetto Ringelmann

L’effetto Ringelmann è legato alla tendenza a diminuire il proprio rendimento quando si lavora in gruppo. Ciò significa che, quando aumenta il numero dei componenti,