WeCreativez WhatsApp Support
Ciao, sono David! Come posso esserti utile? Scrivimi su WhatsApp e ti risponderò il prima possibile.
Ciao! Hai delle domande?

Le 15 personalità più famose con ADHD

L’ADHD è un disturbo da deficit di attenzione e iperattività le cui cause ancora non sono del tutto note, vari studi hanno portato alla conclusione che sono coinvolti fattori genetici e ambientali e che comporta un’alterazione del sistema centrale.

In generale, è uno dei disturbi infantili più difficili da diagnosticare, poiché i sintomi ad esso connessi rientrano nei comportamenti solitamente percepiti come “normali” . Ovvero iperattività, irrequietezza costante, agitazione e grande curiosità per l’ambiente. I sintomi piú facilmente identificabili sono l’impulsività, la disattenzione e la difficoltà di relazione.

Molte sono le persone affette da questo disturbo fra cui anche un gran numero di personalità note. Per alcuni è stata ritenuta come un’anomalia, ma in altri casi, viste le difficoltà che hanno dovuto affrontare e superare, ha permesso loro di sviluppare altri tipi di caratteristiche come una maggior creatività, fornendo persino a lungo andare un rinforzo positivo alla propria personalità. Qui passiamo in rassegna 15 personaggi famosi che hanno sofferto o soffrono di ADHD.

1) Simone Biles

Fu la stessa ginnasta americana e campionessa olimpica ad affermare che  già dall’età di 19 anni assumeva farmaci per curare l’ADHD. È stata inoltre trovata diverse volte positiva ai test antidoping per via del suo trattamento. Questa atleta rappresenta l’eccezione alla regola, insegnando a l mondo una profonda lezione: anche in uno sport in cui viene richiesta estrema concentrazione e applicazione, l’ADHD non suppone una barriera per il successo.

2) Ryan Gosling

Il famoso attore canadese, protagonista di titoli come “Il diario di Noa“, “Drive” o “La La Land” ha convissuto con l’ADHD da quando gli è stato diagnosticato durante la sua infanzia. Un fatto che gli ha causato molti problemi durante il periodo scolastico perchè non sapeva leggere e che lo ha portato a subire episodi di bullismo.

3) Sylvester Stallone

Durante la sua infanzia, l’iconico attore di film d’azione ha subito diversi episodi problematici a scuola, che lo hanno portato a essere espulso da più di 14 scuole. Era un bambino scatenato e molto irrequieto a causa dell’ADHD. Tuttavia, il disturbo non gli ha impedito di diventare un’icona dagli anni ’70.

4) Jennifer Lawrence

Une delle giovani attrici più pagate al mondo che ha avuto un Oscar per il suo ruolo in “Il lato buono delle cose”. Tuttavia, la sua infanzia non è stata affatto facile: a scuola la chiamavano “nitro” (nitroglicerina) per la sua costante iperattività, prima che le fosse diagnosticato l’ADHD.

5) Michael Jordan

Anche il giocatore di basket più famoso di tutti i tempi ha sofferto di ADHD fin dall’infanzia. La sua iperattività ha raggiunto il punto che diversi medici e insegnanti hanno detto a sua madre che non avrebbe avuto grandi possibilità professionali e lavorative  a causa della sua evidente mancanza di concentrazione. Attualmente è considerato uno dei migliori atleti di tutta la storia.

6) Michael Phelps

È l’atleta olimpico di maggior successo di sempre grazie alle 28 medaglie vinte ai Giochi Olimpici. Il famoso nuotatore durante una conferenza stampa ha affermato che durante la sua adolescenza gli è stato diagnosticato l’ADHD. Nonostante le fosse stato detto da uno dei suoi insegnanti che non avrebbe mai ottenuto nulla di importante nella sua vita, ha usato il nuoto come terapia per il suo disturbo.

7) Usain Bolt

Anche stavolta siamo di fronte ad un’icona atletica delle Olimpiadi. Il velocista giamaicano è uno dei casi più sorprendenti. Il detentore del record mondiale nei 100 e 200 metri sprint ha avuto un’infanzia difficile perché era un adolescente molto irrequieto e iperattivo, un fatto questo che ha finito per influenzare la sua educazione. Anche in questo caso, l’ADHD non è stato affatto di ostacolo, riuscendo a trovare la sua via di fuga ed espressione nell’atletica e nella velocità.

8) Bill Gates

Il magnate del computer, co-fondatore di Microsoft e una delle persone più ricche del mondo.  Fin dalla tenera età, è stato un bambino stremamente curioso, che non smetteva di fare domande su tutto ciò che chiamava la sua attenzione. Successivamente, a causa della sua mancanza di rendimento negli studi per via dell’ADHD, è stato costretto a lasciare l’Università di Harvard, cosa che non gli ha impedito di fondare la sua azienda e di lanciare Windows nel 1985.

9) Luis Rojas Marcos

Il famoso psichiatra e divulgatore sivigliano era un bambino irrequieto, distratto e curioso con diverse difficoltà di apprendimento, che lo ha portato a combattere attivamente contro l’ADHD e condividere le sue conoscenze. Una delle sue specialità, al di là delle sue vaste conoscenze scientifiche, è cercare di vedere l’ADHD con umorismo per capire meglio com’è la vita quando devi convivere con questo disturbo della condotta su base giornaliera.

10) Walt Disney

Il famoso creatore di film e personaggi animati  che tanto amiamo era un ragazzo che soffriva di gravi problemi di concentrazione. Preferiva passare il tempo a disegnare e sognare ad occhi aperti, il che lo ha portato a essere considerato “strano” da molti dei suoi coetanei. Si dedicava alla distribuzione di giornali, cosa che finì per influenzare totalmente il suo rendimento scolastico. Venne inoltre licenziato da alcuni lavori in ambito della comunicazione e dei media per via delle difficoltà e della distrazione causate dal suo disturbo.

11) Richard Branson

L’eccentrico fondatore del conglomerato Virgin, che comprende di tutto, da un’etichetta discografica a una compagnia aerea, soffriva di iperattività da bambino, che lo ha portato ad avere seri problemi con i suoi studi sin dalle prime fasi. Nonostante soffrisse di ADHD, non ha avuto impedimenti per lanciare la sua rivista a soli 16 anni o per essere stato nominato Sir dalla regina d’Inghilterra nel 2000.

12) Agatha Christie

La scrittrice di gialli di successo inglese è stata sin dall’infanzia considerata la persona più “lenta” della famiglia. Non solo le è stata diagnosticata la dislessia, ma anche l’ADHD, e per tutta la sua vita ha lottato con entrambi i disturbi. Nonostante avesse una pessima calligrafia, le sue opere raggiunsero il mondo intero e divenne una delle scrittrici più famose di tutti i tempi.

13) Justin Bieber

La giovane pop star ha affermato di aver combattuto e vissuto con l’ADHD per diversi anni. Dopo aver sofferto di alcuni dei sintomi più comuni come l’iperattività o difficoltà di attenzione e concentrazione, il canadese ha deciso di ricorrere a dei rimedi come ricevere delle lezioni speciali per continuare i suoi studi nel modo più appropriato.

14) Lewis Hamilton

Il pilota britannico di Formula 1 è stato il più giovane a vincere una Coppa del Mondo riuscendo ad eguagliare Michael Schumacher come il più premiato della storia, con sette campionati. Hamilton era un bambino molto irrequieto e indisciplinato, a cui in seguito gli venne diagnosticato l’ADHD. Tuttavia, dal momento in cui guidò il suo primo kart all’età di sei anni, gli fu subito ben chiaro che voleva dedicarsi al mondo dell’automobilismo e di certo la sua irrequietezza o scarsa concentrazione in altri settori non gli fu da ostacolo.

15) Daniel Radcliffe

Il famoso attore dei film di “Harry Potter” ha sofferto, fin da piccolo, sia di difficoltà dell’apprendimento, che di difficoltà relazionate con lo scrivere o la coordinazione dei movimenti. A soli 9 anni, nonostante fosse stato recentemente diagnosticato l’ADHD, sua madre lo convinse a partecipare a un’audizione teatrale e rafforzò la sua fiducia, diventando oggi una star del cinema.

In breve, l’ADHD può colpire qualsiasi tipo di persona, indipendentemente dalla sua professione, dalla sua classe sociale, dalla sua età o dalla sua origine. Come abbiamo visto, non esiste un profilo specifico delle persone che ne sono affette in misura maggiore e sebbene sia un disturbo solitamente difficile da rilevare, un trattamento corretto può facilitare in modo significativo la loro convivenza quotidiana. In questo modo, la disattenzione, l’iperattività e l’impulsività, così come il resto dei vari sintomi correlati, possono portare all’ADHD in chiunque.

FORMAZIONE CORRELATA: Corso ADHD: Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (Prossimamente!)

También puede interesarte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu