WeCreativez WhatsApp Support
Ciao! Hai delle domande? Scrivimi su whatsapp e ti risponderò a breve.
Sono Joel, come posso aiutarti?

Cos’è l’approccio del quadro logico?

Cos’è l’approccio del quadro logico? Si tratta di un metodo di pianificazione molto utilizzato per progetti internazionali e riassume chiaramente in un’unica matrice le caratteristiche principali di un progetto, dal disegno all’identificazione (Qual è il problema?), dalla definizione (Che dobbiamo fare?), alla valutazione (Come dobbiamo farlo?), dall’esecuzione e supervisione (Lo stiamo facendo bene?) alla valutazione (Ci siamo riusciti?)

L’approccio del quadro logico (AQL) risulta essere un metodo meno intuitivo che altri metodi di pianificazione, come è per esempio quello delle domande.

Tra i progetti sociali si possono distinguere due tipi:

Progetti complessi che produrranno effetti tangibili, come per esempio la costruzione di un centro per anziani o l’attrezzatura per un centro educativo e

Progetti semplici che produrranno effetti astratti o soggettivi come per esempio cambi culturali, educazione,…per i quali è utile il Quadro Logico.

Lo schema metodologico dell’AQL si basa sulla seguente struttura:

  1. Analisi dei soggetti coinvolti: consiste nel determinare tutte le persone o gruppi che sono direttamente o indirettamente coinvolti con la problematica o con il tema del progetto. Durante questa analisi si deve considerare non solo la posizione attuale dei partecipanti ma anche quella futura.
  2. Analisi dei Problemi: in primo luogo è importante definire il problema per cui si applicheranno criteri di priorità e selettività. Non si deve confondere il problema con la mancanza di soluzione. Non è lo stesso dire “Mancano attrezzature per centri educativi (mancanza di soluzione)” e “C’è una richiesta altissima di attività ricreative (problema)”. Una volta che è stato identificato il problema si stabiliscono gli effetti più importanti (conseguenze) che le cause che possono originare il problema.Lo strumento più utile per questa fase è l’Albero dei Problemi che rappresenta una sintesi della situazione analizzata e riunisce le presupposizioni e le ipotesi del team riguardo alla problematica e alle soluzioni.
  3. Analisi degli obiettivi: lo strumento più utile per questa fase è l’Albero degli obiettivi che consiste nell’invertire il senso delle proposte dell’albero dei problemi dal negativo al positivo, cominciando a trasformare le problematiche in obiettivi (affermazioni positive). In questo modo, le condizioni che nell’albero dei problemi sembravano causa-effetto, sembreranno adesso mezzi e fini.
    analisis-de-objetivos-ita

     

    Un elemento importante da considerare per quanto riguarda l’albero degli obiettivi è il riconoscimento di quelle cause del problema che non vengono riconosciute come influenti sul progetto. Si denominano parametri e, anche se non si prendono in considerazione nella formulazione, è necessario considerarle per un’intervento futuro.

  4. Analisi delle Alternative: una volta realizzata l’analisi degli obiettivi, è necessario le possibili soluzioni alternative alla problematica. Per creare alternative valide è necessario:Classificarle come complementari (fattibili e che si compeltano per la risoluzione del progetto) e che si escludano a vicenda (non è possibile realizzarle entrambe).

    Verificare il grado di interdipendenza tra le azioni proposte e raggruppare quelle che sono complementarie. Ciascun raggruppamento di azioni complementarie rappresenterà un’alternativa.

    Analizzare il livello di incidenza sulla soluzione del problema. Dare priorità a quelle di maggior incidenza.

    Verificarne la fattibilità (fisica, tecnica, costi, istituzioni, cultura e società). Tra le alternative si sceglierà quella che risulta essere più pertinente, efficace ed efficiente.

  5. Struttura Analitica Progetto: consiste nel disegnare un albero degli obiettivi che si adegui all’alterntiva selezionata, con quattro livelli gerarchici: fine, obiettivo, componenti e attività.Fine e proposito derivano dall’albero degli obiettivi originale, i componenti e le attività si costituiranno a partire dall’informazione derivata dallo studio delle finanze, delle tecniche, studi legali e ambientali, utilizzati per l’analisi delle alternative.
  6. Matrice dell’Approccio del Quadro Logico: consiste nel sintetizzare le attività del progetto, i prodotti che si consegneranno, i risultati a breve, medio e lungo termine che si spera di raggiungere. Quest’analisi richiede un’attenta analisi del progetto, precisando qual è la relazione causale e teorica tra i livelli.

tabla-marco-logico_ita

También puede interesarte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu